Mi faccia causa!


Come per le accise sulla benzina che risalgono alla Campagna di Etiopia (delle quali Fiano non si lamenta) così i 2 centesimi dei sacchetti li dimenticheremo presto, e continueremo a pagarli.
Siamo fatti così. Urliamo, ci sbracciamo e poi paghiamo. Ormai lo sanno bene i politici che del resto sono italiani anche loro.
Siamo in un Paese dove il Governo non deve governare ma deve fottere il popolo con scuse più o meno valide. Dal canto suo il popolo (dopo millenni di allenamento) si è adattato.
Qui in Italia, azioni frontali non se ne fanno ma si gioca di sponda.
Tu mi alzi la tassa e io evado. Tu mi vieti una cosa e io la faccio lo stesso. Tu non mi dai il lavoro e io faccio il finto invalido. Ho torto? Fammi causa! Tanto nel giro di 15 anni è capace che muori.

È così che andiamo avanti, da sempre, mica da oggi. Ecco perché l’italiano non fa mai rivoluzioni.
una soluzione pacifica si trova sempre 😁 😳

Annunci

Boicotta la plastica


Diciamoci la verità. Nessuno se ne frega più di tanto dell’ambiente.
Tanto rumore su Trump e sull’accordo di Parigi e poi nessuno fa niente di serio per arginare realmente l’immensa quantità di rifiuti che ogni giorno riversiamo sulla Terra.
Ogni anno le norme diventano più restrittive per le emissioni delle automobili ma regolarmente si scopre che è tutta fuffa (vedi Volkswagen). A chiacchiere ci strappiamo le vesti ma in realtà nessuno muove un dito per trovare soluzioni al problema.

Con l’anno nuovo, contro l’inquinamento, si adottano i sacchetti per la frutta biodegradabili (nei supermercati).
Al costo di soli due centesimi ci mettiamo la coscienza a posto.
Sono anni che si gira intorno al problema delle buste dei supermercati ma nessuno ha il coraggio di combattere veramente questo problema. Basterebbe vietare per legge la produzione di buste di plastica e tutto sarebbe risolto. Invece si permette la produzione ma si fa pagare la busta al consumatore. Risultato: non si risolve l’inquinamento.

Le famose buste compostabili che adesso ci vendono insieme alle mele, sono biodegradabili se smaltite correttamente, altrimenti “sopravvivono” per oltre dieci anni se lasciate all’aria aperta.
I consumatori si ribellano, non tanto per i due centesimi ma per la presa in giro evidente. Con la scusa dell’inquinamento si scarica un costo sulla gente per il buon tornaconto di qualcuno che produce le fantastiche buste che “non inquinano”.

Lo stesso discorso vale per le bottiglie di plastica che ormai contengono di tutto. Nessuno ha il coraggio di vietarne l’uso, almeno nel campo alimentare.
Una volta c’era il vetro. Più riciclabile di così si muore. Ma l’industria della plastica aiuta la politica e i politici contraccambiano. E la Terra si inquina sempre di più.

Basterebbe usare le borse di tessuto che usavano le nostre nonne e non ci sarebbe bisogno di buste e bustine. Ma i politici non li freghi. È vietato comprare la frutta al supermercato con la propria borsa, sennò come ti vendo la bustina a due centesimi?
Così come per l’acqua. Non si possono vietare le bottiglie in PET (plastica) perché i produttori si mangerebbero vivo il politico e la sua famiglia.

Ci dobbiamo rassegnare? No. La battaglia è dura, ci fa perdere tempo ma si può combattere non comprando più frutta nella grande distribuzione e acqua (e altro) solo in contenitori di vetro.
Quando la merce rimane sugli scaffali il gestore del super non acquista altra merce della stessa specie. La vendita si blocca.
In teoria sarebbe facile boicottare ma in pratica ci complica la vita. È così che ci fottono 😱

Fake News


In un Paese dove le mafie si sono evolute a tal punto da sedere nelle amministrazioni, nelle banche, nella politica e negli affari di una Nazione, abbiamo ancora la faccia tosta di offenderci per 30 secondi di filmato dove si vede un giornalista insistente picchiato da un figuro già noto per essere legato alla malavita, almeno, per parentela.
Ostia fa notizia perché è Roma e perché la vittima è un giornalista e non una persona comune.
Ci si ricorda delle situazioni al limite dell’inciviltà solo quando si viene toccati da vicino.
Come per i campi Rom e gli africani, che vanno bene, ma lontano da casa mia (vedi Capalbio).
A Ostia per il ballottaggio si sta organizzando un Comitato di Controllo. In Sicilia non ce n’era bisogno così come superfluo è stato a Napoli e dintorni, nonostante le fritture di pesce.
La gente non abbocca più alle informazioni teleguidate della quasi totalità della stampa e TV, si tace dove non conviene e si strilla dove c’è da screditare il nemico (politico).
È una storia che va avanti da sempre, ma oggi quando non conviene si dice che sono FakeNews.

Ostia oggi è sulla bocca di tutti quando mezza Italia è governata territorialmente, da anni, dalle varie mafie che sotterrano tonnellate di rifiuti tossici e nessuno sa niente, o finge di non sapere. Anzi, qualcuno ha secretato per non far sapere.
Adesso dovremmo indignarci per una capocciata?
La gente comune di capocciate così ne prende tutti i giorni se solo si permette di guardar male uno di questi mafiosucci di periferia. Nessuno se ne accorge, nessun TG ne dà notizia.

Mafiacapitale è finita nel dimenticatoio perché una parte politica deve essere protetta. Nessun resoconto strillato in TV. Le notizie le devi andare a spulciare e (forse) trovi qualcosa.
Chi è stato carcerato oltre a Buzzi e Carminati? Si è fatta la pulizia che doveva essere fatta? Mah.
Notizie di sfuggita, senza enfasi e prima della pagina sportiva.
A Roma, in #mafiacapitale, non c’era mafia. Chiuso.

Concentriamoci su Ostia, su Spada e su CasaPound. E ci metterei anche i #grillini che non sono ben visti da nessuno, anche se non hanno mai mafiato. E forse proprio per questo ci stanno sulle scatole 😁

Antichi Monumenti Africani


Una volta c’erano i Paesi del Terzo Mondo, poi si sono trasformati in Paesi in via di sviluppo.
Affinché un Paese, una Nazione, abbia un adeguato sviluppo, oltre agli aiuti esterni (pagati sempre a caro prezzo) c’è bisogno di gente (Governanti) che sappia dare il giusto impulso al suo popolo per traghettarlo verso una vita più agiata o, quantomeno, accettabile.
La scolarizzazione e il ridimensionamento della corruzione, per qualsiasi Paese, sono fondamentali per intraprendere la via del benessere.
Spesso sentiamo dire che l’Africa è stata sfruttata dall’occidente e che quindi è colpa nostra se non riescono a venire fuori dalla povertà.
È un continuo colpevolizzare i cattivi occidentali che pensano solo al proprio benessere sfruttando i poveri africani
Fermatevi solo un attimo a riflettere sul perché sono gli occidentali che vanno in Africa a sfruttare il territorio e non lo fanno gli africani stessi o, addirittura, perché non sono gli africani a venire in Europa a sfruttare il territorio (e la manovalanza).
Perché gli europei (e gli americani, ex europei) sono andati in Africa a “prelevare” schiavi e non è accaduto il contrario?
Avete mai immaginato navi “bianchiere” al posto delle navi “negriere”?
Perché, da sempre, i poveri e i malandati sono sempre gli africani?

L’Africa ha ogni tipo di ricchezza. Il suolo e il sottosuolo sono una fonte talmente ricca, che se fosse stata sfruttata dagli africani ora sarebbero la prima economia mondiale, al posto dei cinesi.
A proposito di cinesi. Prima del periodo buio che portò la Cina nel baratro, si susseguirono, per secoli, Imperatori e un’altissima civiltà. Talmente alta, che parecchie conoscenze scientifiche sono state poi importate in Europa.

Chi ha avuto la fortuna di poter visitare la Cina, soprattutto negli ultimi dieci anni, avrà avuto modo di notare che le città più grandi non hanno proprio nulla da invidiare a quelle tanto blasonate degli Stati Uniti o della stessa Europa.
E le opere d’arte, i palazzi e le strutture che documentano la grandezza della civiltà cinese possono essere ammirate ancora oggi a distanza di centinaia d’anni. Per citare le più imponenti, la Muraglia Cinese e la Città Proibita, fanno letteralmente scomparire Versailles in quanto ad imponenza.
Chi invece è stato tanto fortunato da visitare l’Africa ha potuto vedere quale “vuoto” regna da est a ovest. Fatta eccezione per i resti degli antichi Egizi a Nord e qualche rudere Romano in Tunisia.
A Sud del Sahara solo capanne (o resti di civiltà arabe e romane).
Non ci sono né templi né Palazzi. Non c’è un’antica civiltà. Perché?
Eppure non erano ancora stati “aggrediti” dalla voracità e cattiveria dell’uomo occidentale.
L’Africa è perennemente in via di sviluppo, anzi, secondo me hanno smesso di volersi finalmente sviluppare e vengono direttamente qui, dove senza fatica ci si trova già “sviluppati” senza fare nessun percorso faticosamente guadagnato in millenni. Chiamali scemi!
Dalla Libia alla Sicilia è un percorso pericoloso ma, chi ci riesce, salta centinaia di anni di civiltà.
Comodo. Una sola generazione per ritrovarsi dove noi ci abbiamo messo secoli ad arrivare.
Così non si aiutano ma si creano dei mostri, con il corpo nel 2017 e la mente all’età della pietra.
Le tradizioni e la cultura vengono tramandate nei secoli, non in cinque o dieci anni di scuola. E non basta parlare Milanese per essere di Milano, così come non basta parlare romano per essere di Roma.
Nel Paese dei Comuni vogliamo integrare gli africani. Sembra una barzelletta 😁😱

Maledetto Citofono

Uno studio rassicurante dell’Università di Harward ha stabilito che in 60 anni solo un tipo di lavoro è stato sostituito dai Robot.
Gli umani possono stare tranquilli? Io non credo.

Se consideriamo Robot un attrezzo elettromeccanico, e magari a forma di umanoide, siamo leggermente fuori strada.
I ricercatori di Harward hanno considerato molti lavori dismessi per “obsolescenza tecnologica”, come il telegrafista, senza considerare che è stato sostituito da apparecchi più avanzati tecnologicamente, e quindi parenti “preistorici” dei Robot (telefono, cellulare, smartphone).
È chiaro che la sostituzione avviene per gradi e non all’improvviso. Se consideriamo solo alcuni dei lavori dismessi dall’uomo a causa dell’automazione (o Robot primordiali) ci renderemo conto che i lavori sostituiti o in via di sostituzione sono ben oltre quell’ottimistico “uno” in 60 anni, indicato da Harward.

Per fare una battuta potrei anche dire che il semplice citofono ha già sostituito migliaia di Portieri (Custodi) in migliaia di condomini in tutta Italia.
Certo, il citofono non può essere considerato un Robot ma per Robot s’intende qualcosa creata dall’uomo per automatizzare le azioni umane e non.
Pensateci, con un semplice citofono, abbiamo perso migliaia di posti di lavoro.

Il Telepass ha sostituito l’omino perennemente scocciato, che non ha il resto, al casello autostradale, le casse automatiche hanno sostituito l’avvenente cassiera dell’Auchan, il Dispenser di merendine ha sostituito l’omino col carretto davanti alle scuole, l’obliteratrice ha sostituito il bigliettaio seduto sul trespolo negli autobus, il telecomando ha sostituito la moglie che va a cambiare il canale TV 😱

Sono tutti posti di lavoro persi nel tempo mentre la popolazione mondiale aumenta. È questo il problema principale. E aumenta proprio quella parte di popolazione che andrebbe impiegata per i lavori più umili e faticosi, che sono i primi ad essere robotizzati o automatizzati.

Non credo che il problema siano i Robot, né oggi né in futuro.
Piuttosto è l’aumento della popolazione mondiale nella fascia più povera e meno scolarizzata che sta invadendo tutti gli angoli del Globo, in cerca di un lavoro che viene sempre più rosicchiato dalla tecnologia.

L’Aratro prima era trainato dall’uomo, poi dal cavallo (o bue) poi nacque il trattore con decine di attrezzi automatici per lavorare la terra.
Tra qualche tempo anche i nostri pomodori saranno raccolti in maniera meccanica o robotizzata.
Addio al caporalato e alle centinaia di neri africani che vengono sfruttati. Nessuno li sfrutterà più. Il Caporale manovrerà il suo Robot e i 3 euro all’ora dei braccianti andranno a caricare le batterie dell’umanoide.

I ricercatori di Harward hanno poco da essere ottimisti, in 60 anni abbiamo perso migliaia di posti di lavoro a causa della robotizzazione, che non necessariamente deve sostituire completamente l’uomo per essere dannosa.
Del resto, è impensabile frenare la tecnologia ma occorre pensare ad un piano B per non ritrovarci un pianeta sovrappopolato di gente che non sa che fare.
Ecco, i ricercatori potrebbero impegnarsi su questo, e darci una risposta prima che sia troppo tardi  🙄

Leggi l’articolo di Repubblica.it sulla ricerca di Harward

Fatti non Parole

Manifestazione a Bologna contro il governo Renzi

Manifestazione a Bologna contro il governo Renzi

Siamo talmente abituati a vedere i nostri politici indagati e coinvolti in loschi traffici di danaro e intrallazzi, che ci risulta difficile credere quando qualcuno onesto vuole cambiare le cose.
I giudici, in questo Paese, hanno più da fare col mondo politico, e quello che gli gira intorno, che con i delinquenti comuni.
Quanti di voi sono stati indagati e sottoposti a processo? Di politici tanti. E anche quando sono condannati spesso la pena non l’ espiano mai.
C’è gente che continua a credergli, vuoi per tradizione che per credulità.
Sarebbe il caso di non credere più alle chiacchiere ma valutare i fatti. Indipendentemente dalla nostra “tradizione” politica, bisognerebbe valutare volta per volta i risultati promessi e quelli effettivamente ottenuti.

Nessuno si è tagliato lo stipendio. I grillini lo hanno fatto. Eppure nessuno sembra farci più caso e si continua a deriderli come fossero pazzi.
Diamo più credito alle chiacchiere che ai fatti. Questo è un grosso difetto degli italiani.
Non sono grillino e non credo che siano perfetti. Ma se qualcuno non ruba i miei soldi posso già azzardare un po’ di fiducia. Il resto si valuterà col tempo e non a priori.
Non fatevi ingannare dalle chiacchiere. Monti disse che ci avrebbe salvato dal baratro e invece non vediamo neanche più il bordo del burrone, tant’è che siamo in fondo. Meditate 🙂 🤔

Si scinde, un po’

1
La società del benessere così come l’abbiamo conosciuta è finita.
La rivoluzione industriale non si arresta. Se agli inizi sembrava una svolta per l’umanità, oggi ci appare come la sua condanna.
La classe operaia è destinata a scomparire o a ridursi a pochi elementi per quei lavori umili, mal pagati e impossibili da automatizzare.
Non sono i “partiti” di sinistra a scomparire ma è la massa di persone che poteva identificarsi in essi che sta scomparendo. La causa non dev’essere confusa con l’effetto.
In Italia la situazione è più critica che altrove per l’inefficienza della classe dirigente e per l’ inadeguatezza di molti politici, ma il resto del mondo non se la passa molto meglio.

Il lavoro è diventato precario ovunque. E servono sempre meno persone per qualsiasi tipo di lavoro.
In TV si parla tanto di agevolare le imprese ma non si tiene conto che un’impresa che prima aveva bisogno di 40 persone, oggi farebbe lo stesso lavoro con 10.
E non si considera che la globalizzazione consentirebbe a quella stessa impresa di andare a produrre dove le tasse sono meno invadenti.
Nella stessa Europa non si riesce ad avere una tassazione omogenea, figuriamoci se possiamo solo immaginare una competizione, alla pari, con Paesi come la Cina o il resto dell’estremo oriente.

È una battaglia persa. La ripresa non ci sarà mai. Non per tutti, almeno.
Il boom economico degli anni ’60 rimarrà un caso isolato nella storia perché le condizioni globali non consentono più il benessere su una così ampia scala di fasce sociali.
Con le dovute differenze, il boom fu a vantaggio sia degli operai che della media e alta borghesia. Oggi, questo non è più possibile.

In una situazione già precaria si inserisce l’esodo di milioni di persone che dai Paesi più poveri si sposta verso quei Paesi dove l’apparente benessere li attira verso una trappola che alla fine ci costringerà a soccombere tutti. A favore di pochi.
Un esodo che visto globalmente sembra quasi come manovrato dall’alto.
Dall’Africa non c’era mai stato prima un esodo così massiccio verso l’Europa. Così come mai c’era stato in oriente, dai Paesi più poveri verso quelli emergenti (ormai emersi), e mai verso l’Australia, c’era stato un esodo così imponente.
Un caso? Può darsi.

Il “gomblotto” potrebbe essere dietro l’angolo. Ma illustri studiosi e i politici ci spiegano che tutto è l’effetto delle cattiverie occidentali perpetrate nel tempo verso gli Africani. E in Oriente? E in Australia?
Si sono ricordati tutti insieme che stavano male e hanno deciso di migrare? E quelli più poveri, veramente poveri, continuiamo ad aiutarli con un SMS da un euro? La situazione non quadra.
Tutta questa gente dopo la prima accoglienza dovrà essere collocata da qualche parte. Dove?
È proprio di oggi la notizia che a Treviso per un posto da “stradino” si sono presentate 165 persone, italiane. Tutte laureate.

La situazione è grottesca se non fosse prima tragica.
Dove metteremo le migliaia di africani che stiamo accogliendo? Quali lavori potranno fare se non ne abbiamo per noi stessi?

Non credo che una Nazione non sappia cosa si deve fare in casi del genere ed è per questo che si pensa ad un disegno più ampio voluto da qualcuno.
Non voglio nemmeno accennare al discorso dei buonisti e degli xenofobi. Sono battibecchi per il popolino.
Qui c’è una situazione grave e nessuno sa dare una soluzione plausibile.
L’esodo non si ferma e la situazione peggiora.

Non voglio immaginare quando l’Europa sarà satura di africani, da diventare ingestibile, e le frontiere verranno protette, come si potrebbe fare già oggi, in maniera meno violenta.

emilianoaIn questi giorni siamo tutti presi con l’Assemblea del PD. Si scindono, non si scindono, si scindono un po’. Tutto questo sembra assurdo, in un Paese che è pieno di emergenze irrisolte.
Se il PD si scinde o si scioglie a noi non cambia niente.
Come quando vince la Nazionale di Calcio ed esultate. Il giorno dopo, sempre disoccupati siete.
Ecco, ora se esultate per Emiliano segretario o per il ritorno del grande Renzi, il giorno dopo nessuno dei due vi regala niente.
E non vi regalano niente nemmeno Salvini, Grillo o Berlusconi.
Il nostro è un ruolo predeterminato: il popolo.
E come tale, serviamo a litigare tra noi affinché chi governa possa fare i propri comodi, a turno.
Rassegnatevi o , in alternativa, buttatevi in politica che lì un vitalizio non si nega a nessuno.
😱😄