Che caldo!

Quest’anno un bel mese di Agosto ci ha regalato un po’ di sano caldo, come l’estate italiana dovrebbe fare più spesso.
Sono scattati gli allarmi della protezione civile. Per proteggerci dal caldo. I telegiornali ci hanno avvertito di bere molto e non uscire nelle ore più calde della giornata.
Almeno un quarto d’ora di notizie e avvertimenti relativi al caldo e ai pericoli ad esso collegati.
Il pezzo più ridicolo è quando si parla di temperature “percepite”. Se il termometro segna 35° C, l’avvenente signorina (non è più di moda il colonnello dell’Aeronautica) ci avverte con aria minacciosa che i gradi percepiti sono ben 45. La mia curiosità è sapere chi è il “percepitore” ufficiale che decide che i normali 35 gradi diventano 45.

La percezione è molto soggettiva ed è semplicemente ridicolo attribuirle un valore che varia da persona a persona. Ma le mode ci sono e le dobbiamo sopportare.
Sono ben lontani i tempi in cui si diceva che l’estate è la stagione calda e l’inverno è freddo. Ora è tutto anomalo.

L’estate si è trasformata in una minacciosa stagione dove puoi morire disidratato e se esci alle 14 il sole ti fulmina all’istante. L’inverno è una calamità e tra piogge torrenziali e freddi siberiani rischiamo la vita ogni anno.
Ad ogni fine stagione ci fanno sentire come un gruppo di sopravvissuti alle avverse condizioni meteo.
Intanto gustiamoci una granita di limone, come facevano i nostri nonni che sapevano bene che d’estate si beve di più (senza essere avvertiti dal telegiornale).
Prepariamoci ad un lungo e pericoloso inverno con minacce di temperature polari e allagamenti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...