Plutonio, autostrade e mulini a vento

I giapponesi sono notoriamente efficienti. L’autostrada costruita solo dopo sei giorni dal grande sisma ne è un esempio.
I problemi che la Tepco sta avendo con i reattori nucleari di Fukushima non sono stati affrontati come ci si aspettava da un popolo così organizzato.
Il motivo non ci è dato saperlo ma sappiamo che il problema è molto più grave di quello che si era prospettato al principio.
I reattori sono fuori controllo e la radioattività si diffonde rapidamente non solo in Giappone ma su tutto il pianeta, tramite nubi, cibi, e altro.
Arginare il problema non è cosa da poco.
La tragedia capita proprio quando in Italia si stava per discutere sulla necessità di costruire nuove centrali.
Siamo circondati da centrali atomiche sparse un po’ ovunque e sembra che la gestione, oltre alla già problematica faccenda dello smaltimento delle scorie, sia veramente una questione imprevedibilmente pericolosa.
Terremoti, attentati e quant’altro rendono l’energia nucleare una bestia che è difficile addomesticare con conseguenze troppo pericolose per essere sottovalutate.
E’ vero che il mondo ha bisogno di energia ma a questo punto bisognerebbe mettere da parte i fanatismi e cercare insieme (a livello mondiale) di ripensare al nostro futuro affinché il pianeta e l’umanità abbiano una possibilità in più di sopravvivere.
L’Italia è circondata da centrali. Se una di queste esplode, per un motivo qualsiasi, siamo fritti 😦 Non siamo neanche giapponesi e quindi moriremmo molto prima di trovare la soluzione per arginare il problema, basandosi sul fatto che in Giappone un’autostrada di 815 Km si ripara in sei giorni e la Salerno-Reggio Calabria in circa trent’anni è ancora incompleta.
Lascerei stare il Plutonio e mi concentrerei sui mulini a vento o altre soluzioni alternative valide. Se l’Italia riuscisse a fare una cosa del genere, non potendo ordinare alla Francia e agli altri vicini di smantellare le loro centrali, non compreremmo nemmeno la loro energia con il risultato che quelle stesse centrali prima o poi sarebbero inutili e quindi dismesse 🙂
Si, lo so che è impossibile ma il pericolo è troppo grande per essere sottovalutato, se si farà un referendum per il nucleare…tenete bene a mente l’autostrada… 😐

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...