Nucleare?

Non sarà come Chernobyl. Potrebbe essere peggio. La zona è molto più densamente popolata e i reattori non sono uno ma almeno quattro. Chiaramente fuori controllo, non si sa più come raffreddare le barre radioattive. Per assurdo ci vorrebbe un altro tsunami che allagasse i contenitori.
Gli americani manderanno dei “droidi” aerei senza pilota per controllare la situazione ma non per raffreddare il materiale atomico. Chi si avvicina alla centrale muore.
I giapponesi dovranno sacrificare gruppi di uomini che si avvicenderanno nello “spegnimento” delle barre radioattive. Una cinquantina di eroi alla volta che vanno, buttano acqua, muoiono e subentrano altri fino al raffreddamento completo dei reattori (che impiegherebbero una settimana per raffreddarsi), quanti eroi ci vogliono?
Se non ci sono volontari le barre fonderanno rilasciando nell’aria, nell’acqua e nella terra una quantità di radiazioni che al confronto Chernobyl nemmeno possiamo considerarlo.
Una tragedia senza precedenti.
La TEPCO, ma ancora di più il governo giapponese, è colpevole di non aver preteso controlli più idonei sulle sue numerose centrali obsolete sparse per le isole nipponiche e il venerabile Imperatore doveva forse interessarsi prima del problema invece di apparire a cose fatte per benedire il popolo.
In Italia ci accingiamo a costruirne di nuove, ma le nostre saranno moderne e sicure con molteplici controlli e con rigorosi sistemi di protezione.
Io sono tra quelli favorevoli al nucleare perché abbiamo bisogno di energia e non possiamo continuare a comprarla. I nostri governanti però dovrebbero rassicurarci di più sulla gestione di una materia così pericolosa. Dovrebbero dimostrare una organizzazione e una competenza esemplare, una capacità di gestione veramente impeccabile.
Per esempio dimostrando con cose infinitamente meno pericolose di saper gestire una situazione critica.
Quando a Napoli non ci sarà un solo sacchetto di immondizia per strada vorrà dire che potremo iniziare a parlare di nucleare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...