Il nemico vi ascolta


Sull’onda delle vicende di Assange si comincia a fantasticare su come rendere sicuro il web con iniziative più o meno concrete.
Wikileaks è stato solo un mezzo per svelare segreti che potevano essere diffusi anche in altri modi. Con la stampa, per esempio.
Certo, sarebbe stato più difficile convincere i giornali a pubblicare certe notizie ma alla fine qualcuno lo avrebbe fatto.

Cercare di controllare la rete è da un po’ lo scopo di parecchi governi ma anche di industrie discografiche e cinematografiche. Internet è come una grossa anguilla che sfugge dalle mani proprio quando pensi di averla afferrata.

C’è anche chi insinua che nei sistemi operativi (Windows, Mac e non sfugge nemmeno Linux) ci sia lo zampino di servizi segreti che avrebbero posto all’ interno dei SO dei codici per poter controllare praticamente tutti i computer del mondo.
Tutto è possibile. Del resto così come è possibile intercettare una telefonata, lo è ancor di più intercettare un computer connesso in rete. Tecnicamente è possibile.

Se state preparando un colpo di stato o la rapina del secolo alla Banca d’Inghilterra non vi conviene comunicarlo ai vostri complici via email, potrebbero intercettarvi. E credo che chi voglia fare questo tipo di attività ne sia già a conoscenza.
Se siete utenti senza colpe, onesti e normali utilizzatori di computer, per lavorare e per comunicare con i vostri amici, non avete niente da temere.

Chi invece utilizza il computer per l’ home banking deve stare solo attento al phishing, non fatevi intrappolare nella rete dai cattivi frequentatori di internet. Comunicate solo con i siti ufficiali e non rispondete mai alle mail provenienti dalla vostra banca o dalle poste.
So che già lo sapete, ma è meglio ricordarlo.
Aggiungo solo un particolare: non digitate i codici di accesso ma scriveteli in un file .doc oppure .text (o altro) e quando andate sulla pagina della vostra banca fate copia/incolla. Vi assicuro che è meglio. Ricordatevi però di criptare i file dove risiedono i codici perché se vi rubano il computer…troverete il conto in rosso.

Se avete segreti da nascondere o dati sensibili scordatevi il computer e comprate un bel librone e con una penna scrivete poi riponete tutto in cassaforte. Non telefonate, non fate sms e non rispondete nemmeno al citofono. Il nemico potrebbe ascoltarvi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...